15.09.2012 – Nuova Proposta partecipa all’assemblea “Chiesa di tutti, chiesa dei poveri”

Raccogliendo l’invito degli organizzatori, Nuova Proposta parteciperà come promotore all’assemblea “Chiesa di tutti, chiesa dei poveri”, che avrà luogo sabato 15 settembre a Roma, dalle 10-18, presso l’Audiutorium dell’Istituto Massimo.

La Chiesa, infatti,  celebrerà nel prossimo ottobre i cinquant’anni dall’inizio del Concilio e ha indetto, a partire da questa ricorrenza, un anno della fede. Viene così stabilito un nesso molto stretto tra il ricordo del Vaticano II e la fede trasmessa dal Vangelo e annunziata dal Concilio. A ciò sono interessati non solo i fedeli cattolici, ma anche gli uomini e le donne di buona volontà associati, come dice il Concilio, “nel modo che Dio conosce” al mistero pasquale, che intendono, nel nostro Paese come in tante parti del mondo, ricordare e interrogare quell’evento e quell’annuncio.

L’assemblea di settembre vorrebbe essere, quindi, ricordare quella folgorante evocazione della Chiesa come “la Chiesa di tutti”, nessuno escluso.

Nuova Proposta, che sarà presente all’assemblea insieme a Il Guado, gruppo gemello di Milano e al Portale “Gionata”, riferimento su Fede e Omosessualità, presenterà un proprio contributo che trovate qui di seguito, nella speranza di sollecitare sul tema dell’accoglienza delle persone omosessuali e transessuali da parte della Chiesa tutta. 

 

Contributo di Nuova Proposta – Donne e Uomini Omosessuali Cristiani

all’Assemblea Nazionale Chiesa di Tutti, Chiesa dei Poveri

Roma, 15 settembre 2012

 

Le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce degli uomini d’oggi, dei poveri soprattutto e di tutti coloro che soffrono, sono pure le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce dei discepoli di Cristo, e nulla vi è di genuinamente umano che non trovi eco nel loro cuore.

 

Le parole iniziali della Gaudium et Spes rispecchiano perfettamente l’idea che abbiamo di Chiesa e di Chiesa che vorremmo avere, che vorremmo essere.

Una Chiesa capace di vivere nel presente (gli “uomini d’oggi”), di guardare alle gioie ed alle speranze, alle tristezze ed alle angosce dell’umanità tutta non con gli occhi di chi giudica e di chi paternalisticamente concede ma di chi vede come proprie le gioie, le speranze, le tristezze e le angosce degli altri semplicemente perché genuinamente, e profondamente, umane.

 

Nulla è più genuinamente umano del bisogno di giustizia, del grido di giustizia che sempre più forte e sempre più attutito dai rumori di una società indifferente si alza da chi vede le proprie gioie e le proprie speranze disattese e da chi vede le proprie tristezze e le proprie angosce ignorate.

La Chiesa che vorremmo è una Chiesa davvero capace di compiere una scelta preferenziale per i poveri, davvero capace di ricordare che non c’è nulla di più disumano che rivestire di oro il corpo di Cristo quando il corpo di un povero è ancora nudo, davvero capace di santificare l’umanità intera.

Con la Gaudium et Spes la Chiesa ha promesso di allargare le proprie braccia, di abbracciare il mondo, non di stringerlo e soffocarlo; questa promessa, ci sembra talora, non è stata sempre rispettata, troppo volte la Chiesa è parsa fare suo tesoro di una Grazia che doveva annunciare al mondo; penso ad esempio alle ultime parole del cardinal Martini sui sacramenti, che non sono uno “strumento per la disciplina” ma un “aiuto per gli uomini”.

 

Come gruppo di donne ed uomini che si dicono omosessuali e che si scommettono credenti, vorremmo contribuire a questa importante e significativa assemblea, segnalando la solitudine in cui vive la maggior parte delle persone omosessuali e transessuali cristiane, costrette alla consegna del silenzio, a nascondere la propria vita affettiva e i propri desideri, a ricevere, come unico progetto di vita, la vita solitaria nell’assenza dell’affettività. Siamo persone guardate ancora con pregiudizio e sospetto, allontanate, una volta che la propria omosessualità o transessualità si svela, da incarichi parrocchiali e dalla guida dei gruppi. Omosessuali e transessuali vivono, nel ricco occidente, la negazione delle proprie gioie e speranze soprattutto nel profondo delle loro anime; in altre parti del mondo a questo si aggiungono violenze brutali, tortura e condanne a morte, purtroppo anche con l’approvazione di chi si dice “cristiano”.

 

Persone che la chiesa dice di accogliere ma con un’accoglienza che è inevitabilmente condizionata dall’adesione a una visione dell’omosessualità come attitudine “intrinsecamente disordinata” e dalla ineluttabile prospettiva di isolamento affettivo, cosa che suona come una sinistra condanna per chi non vive nel profondo la vocazione alla castità. Persone che, per la situazione che abbiamo descritto, finiscono vittime di una forza centrifuga che ha, come risultato finale il più delle volte, l’espulsione (o l’auto espulsione) dalle comunità di riferimento che, fino a qualche tempo prima, erano state una seconda casa.

Il risultato, il più delle volte, è la perdita dei punti di riferimento per il proprio cammino di fede, la solitudine, la perdita della speranza, che solo i più caparbi riescono a superare.

 

Seguendo quella follia del Vangelo di cui parla Paolo, ci piace sperare – e la nostra speranza è una certezza – che un giorno la Chiesa possa guardare anche a noi come qualcosa di genuinamente umano e di riconoscere alle nostre esistenze, al nostro amore quella dignità, anche sacramentale, che Cristo stesso ha fatto sua, divenendo, come noi, realmente e profondamente umano, pensando al bene reale della persona omosessuale e transessuale, a renderla destinatario e donatore di vita piena.

 

Solo allora tutto questo potrà essere chiamato “accoglienza”.

Scarica il contributo di Nuova Proposta in PDF

Scarica il programma dell’assemblea

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *