Venerdì 3 ottobre, ore 14: “Le strade dell’Amore” – Conferenza internazionale per una pastorale con le persone omosessuali e transessuali

Il Sinodo straordinario dei Vescovi cattolici sulla famiglia, indetto in Vaticano dal 5 al 19 ottobre 2014, s’interrogherà su numerosi temi, dalle unioni «di coppie che vivono insieme senza matrimonio religioso o civile», all’accompagnamento dei divorziati risposati, delle unioni di persone dello stesso sesso al problema dell’educazione dei loro figli. Temi su cui la Chiesa Cattolica torna finalmente a riflettere e a interrogarsi.

Vari gruppi e movimenti cattolici italiani ed internazionali, a poche ore dall’inizio del Sinodo dei Vescovi, hanno deciso di organizzare a Roma per Venerdì 3 ottobre 2014 la Conferenza internazionale “Le strade dell’Amore”. Nella Conferenza si vuole proporre ad alcuni teologi, provenienti da varie parti del mondo, un tema impegnativo: «Quale pastorale con le persone omosessuali e transessuali».

Perché non si può infatti parlare di famiglia senza parlare di tutte le famiglie, incluse quelle che hanno dovuto, che devono e che dovranno confrontarsi con l’omosessualità..

Alla conferenza  “Le strade dell’Amore”, moderati da Marco Politi (giornalista e vaticanista), porteranno il loro contributo:

– monsignor Geoffrey Robinson, già vescovo ausiliario nell’arcidiocesi cattolica di Sidney (Australia), che si chiederà come la Chiesa cattolica può incamminarsi verso una nuova comprensione delle vite e degli amori delle persone LGBT;

– padre James Alison (teologo e sacerdote cattolico inglese che ha operato molto in Sud America e che ha dedicato alcune pubblicazioni al rapporto tra coscienza cattolica e coscienza gay) che  spiegherà come omosessuali e transessuali possono diventare i protagonisti di una nuova evangelizzazione più inclusiva e capace di accogliere tutte le diversità e di liberarle dal clima di oppressione e di discriminazione che si respira in molte parti del mondo;

– la teologa e suora domenicana Antonietta Potente, che proporrà alcuni spunti per arrivare finalmente a un nuovo approccio, più inclusivo, quando si parla di evangelizzazione delle persone LGBT;

– la pastora valdese Letizia Tommasone che, partendo dal suo punto di vista di Presidente della Commissione su Fede e omosessualità delle chiese Battista, Metodista e Valdese, racconterà il cammino che queste chiese hanno fatto dal pregiudizio all’inclusione completa;

– Joseanne Peregrin, Presidente della Christian Life Community, associazione cattolica di Malta, in quanto madre di un ragazzo omosessuale racconterà le paure e le speranze dei genitori delle persone LGBT.

Vi saranno anche alcune testimonianze di gay e lesbiche cattolici e la lettura di un “Appello per una pastorale di accoglienza delle persone omosessuali” che sarà poi consegnato al Sinodo dei Vescovi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *