COMUNICATO STAMPA Cammini di Speranza : “L’incontro e la valorizzazione delle culture e delle differenze sono un valore. Per tutti.”

“L’incontro e la valorizzazione delle culture e delle differenze sono un valore. Per tutti.”
COMUNICATO STAMPA – CON PREGHIERA DI DIFFUSIONE E PUBBLICAZIONE

Roma, 3 ottobre 2017 – Cammini di Speranza, l’associazione italiana delle persone LGBTI cristiane, appoggia con convinzione la campagna “Share the journey” #sharethejourney, promossa dalla Caritas Internationalis a favore dell’accoglienza e del sostegno ai rifugiati.

“Lavorare per una società che accolga ogni persona a partire dalla sua condizione esistenziale è per noi il fondamento dell’essere cristiani – ha dichiarato Andrea Rubera, portavoce dell’associazione.

“Il valore dell’inclusione come innovativo motore progettuale di un nuovo stare insieme va perseguito con costanza e senza eccezioni.

Per questo motivo, ci sentiamo molto vicini alle sorelle e ai fratelli rifugiati che, per ragioni troppo spesso volutamente offuscate da parte della politica, sono costretti (per fame, per guerra, per disperazione) a imbarcarsi in viaggi perigliosi verso le zone più ricche e sicure del mondo, viaggi che, spesso, durano anni e durante i quali troppe volte perdono la vita.

Siamo vicini, perciò, a papa Francesco e alla Caritas Internationalis. Sosteniamo con forza la campagna “Save the journey” e invitiamo tutte le persone vicine a Cammini di Speranza sia a rendere quotidiano il loro supporto alla sensibilizzazione verso l’accoglienza dei rifugiati sia, simbolicamente, a unirsi alla campagna social #sharethejourney, scattando e pubblicando una foto con le braccia aperte, come segno di solidarietà e di vicinanza tra percorsi esistenziali per diversi motivi oggetto di stigma sociale.

Ricordiamo che, tra i moltissimi rifugiati che bussano alle porte della nostra serenità, ci sono anche i migranti LGBT, costretti a lasciare famiglie ed affetti perché nei loro paesi di provenienza il loro orientamento sessuale, la loro identità di genere è un crimine, punito anche con la morte.

Un popolo/chiesa a braccia aperte è il sogno che abbiamo di una Nuova Gerusalemme, senza porte, senza confini. Un luogo dove l’incontro è il linguaggio comune e il viaggio verso l’altro la cifra dello stare insieme.”
Per informazioni:
CAMMINI DI SPERANZA
E-mail: info@camminidisperanza.org
Website: camminidisperanza.org
Twitter: @cdisperanza
#chiesaascoltaci
Facebook: Cammini di Speranza
Portavoce: Andrea Rubera (335 7510922)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *