NUOVA PROPOSTA 2021 – “Dove sono 2 o 3 riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro” – sesto incontro on line- MERCOLEDI’ 14 APRILE ore 21

Ci scusiamo per il mancato aggiornamento del sito dell’ultimo anno. Gli incontri del gruppo sono proseguiti on line per il nuovo anno sociale da ottobre 2020 e e sono stati comunicati attraverso il profilo Facebook .

Il prossimo incontro sarà MERCOLEDI’ 14 APRILE 2021 ALLE ORE 21 e si terra’ on line su piattaforma zoom.

(il link per accedere sarà indicato il giorno prima)

Sesto incontro organizzato online da Nuova Proposta, circolo territoriale romano di Cammini di Speranza (associazione nazionale persone LGBT cristiane)  con la comunità parrocchiale di San Fulgenzio a Roma, all’interno del ciclo di attività 2020-2021, dal titolo “Dove sono 2 o 3 riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro”

Dopo un momento in plenaria in cui leggeremo un brano e ascolteremo una meditazione, ci riuniremo in piccoli gruppi per un momento di condivisione esperienziale.

 

Istruzioni per collegarsi e partecipare:
Per partecipare all’incontro basta collegarsi ed è semplicissimo.Basta solo installare sul proprio cellulare, tablet o computer l’applicazione ZOOM tramite Playstore, Applestore o cercandolo su Google. Se non l’hai mai usata è bene pensarci qualche giorno prima.
NON BISOGNA REGISTRARSI, MA SOLO INSTALLARE. Il giorno dell’incontro potrai collegarti a partire dalle h. 21 cliccando sul link  che sarà comunicato qualche ora prima.

 

Di seguito il brano da cui si è partiti per le riflessioni dell’ultimo incontro di mercoledì 17 marzo

Isaia 62,1-7

1 Per amore di Sion non tacerò,
per amore di Gerusalemme non mi concederò riposo,
finché non sorga come aurora la sua giustizia
e la sua salvezza non risplenda come lampada.
2Allora le genti vedranno la tua giustizia,
tutti i re la tua gloria;
sarai chiamata con un nome nuovo,
che la bocca del Signore indicherà.
3Sarai una magnifica corona nella mano del Signore,
un diadema regale nella palma del tuo Dio.
4Nessuno ti chiamerà più Abbandonata,
né la tua terra sarà più detta Devastata,
ma sarai chiamata Mia Gioia
e la tua terra Sposata,
perché il Signore troverà in te la sua delizia
e la tua terra avrà uno sposo.
5Sì, come un giovane sposa una vergine,
così ti sposeranno i tuoi figli;
come gioisce lo sposo per la sposa,
così il tuo Dio gioirà per te.
6Sulle tue mura, Gerusalemme,
ho posto sentinelle;
per tutto il giorno e tutta la notte
non taceranno mai.
Voi, che risvegliate il ricordo del Signore,
non concedetevi riposo
7né a lui date riposo,
finché non abbia ristabilito Gerusalemme
e ne abbia fatto oggetto di lode sulla terra.

Spunti di riflessione proposti da Maria Grazia:

Che tipo di “terra”ci sentiamo? Devastata, visitata, abbandonata, protetta?

Che annuncio abbiamo ricevuto nei nostri momenti di caduta e fragilità?

Quanto ci affidiamo a questo annuncio del profeta sulla nostra vita?

Quanto oggi riusciamo a essere profeti per noi e per gli altri del messaggio che Gesù ci ha lasciato?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *